Carta di Clan

Testo attualmente in vigore:

  • PREMESSA

Noi Rover e Scolte, consapevoli di essere strumenti nelle mani di Dio, ci impegniamo a vivere comunitariamente i punti fondamentali della legge e della promessa, camminando insieme per costruire ciascuno la propria strada rispettando i punti della carta di clan. La correzione fraterna sarà uno degli obiettivi principali che ci prefiggiamo di raggiungere in quanto essa rappresenta uno strumento fondamentale per la nostra crescita. La nostra comunità è già caratterizzata da un buon clima che consiste nell’aver instaurato un buon rapporto fra di noi. Un altro degli scopi che vogliamo raggiungere è quello di crescere nel nostro cammino di fede poiché non ci troviamo tutti allo stesso punto. Seguendo l’insegnamento del nostro fondatore B.P., ci impegniamo per lasciare il mondo un po’ migliore di come l’abbiamo trovato.

  • LA STRADA

La strada è per noi un mezzo necessario per comprendere a pieno ciò che è la fatica, la conquista di un obiettivo e l’essenzialità, contando solo su quello che abbiamo nel nostro zaino e lasciando a casa il superfluo. Attraverso essa possiamo apprendere e superare i nostri limiti, condividere il peso delle nostre fatiche, aspettando e supportando chi ha davvero difficoltà nell’affrontare la strada, spronandoci gli uni con gli altri e riscoprendo la bellezza della natura. Affinché ciò si realizzi ci impegniamo a vivere la strada come momento di crescita, senza limitarci a guardare per terra lungo il nostro percorso bensì sforzandoci di allargare i nostri orizzonti, scrutando le montagne, il cielo, tutto quello che ci circonda e ringraziando il Signore che ha creato questo paradiso per noi. Vogliamo inoltre impegnarci nel riscoprire l’importanza dell’hike come strumento fondamentale per fare deserto, conoscerci ancora più a fondo e per riflettere sulle nostre difficoltà.

  • IL SERVIZIO

Il servizio per noi è donare il proprio tempo agli altri in maniera gratuita con costanza, impegno e una dose di sorriso, per renderci utili alla società. Non tutti i membri del clan però fanno servizio; c’è bisogno quindi di una verifica periodica per mantenere la continuità. Un impegno che abbiamo deciso di prendere sarà quello di stimolarci reciprocamente per darci forza nei momenti di difficoltà. Inoltre, ci impegniamo a gestire il nostro tempo dando priorità al servizio, da vivere come momento di crescita personale e di ampliamento delle nostre competenze al fine di poter offrire un servizio utile e significativo.

  • LA FEDE

Nel nostro cammino di fede non siamo tutti allo stesso punto, perciò cercheremo di vivere in modo più concreto la catechesi. Inizieremo cercando di colmare i nostri dubbi e le nostre incertezze per arricchire così il nostro cammino spirituale. Le future pattuglie della catechesi dovranno impegnarsi per poter chiarire le nostre perplessità coinvolgendo anche gli Assistenti Ecclesiastici. Ogni membro del Clan, d’altra parte, si impegna nel capire l’importanza del proprio percorso spirituale, sfruttando gli strumenti che riteniamo più opportuni (riflessioni, messa, sacramenti…). Per vivere al meglio le tappe fondamentali dell’Anno Liturgico, cercheremo di prendere come esempi concreti persone che hanno vissuto con intensità la loro scelta di fede e testimonianze di chi vive quotidianamente secondo i valori cristiani.

  • LA COMUNITA’

La comunità è riuscita a raggiungere un buon clima, ma il nostro obiettivo è quello di estenderlo anche alle persone meno partecipi attraverso l’utilizzo delle pattuglie che fin ad adesso hanno rafforzato legami già consolidati. Vogliamo inoltre riuscire a capire l’essenza della fratellanza Scout, imparando ad accettare i consigli che ci vengono dati e a correggere con benevolenza i nostri compagni. Per riuscire a fare ciò, faremo e verificheremo, con delle scadenze precise, il Punto della Strada, che ci aiuterà ad aprirci agli altri e conoscere meglio l’altro. Ci impegniamo a partecipare al meglio e con continuità alle riunioni, invogliando anche chi si sente poco motivato. Occorre un grande impegno per essere protagonisti delle nostre riunioni: cercheremo di essere più propositivi nel gestire le nostre attività autonomamente e aggiornandoci anche quando siamo assenti, sulla vita della comunità. Nel concreto, è necessario far fruttare al meglio le pattuglie d’animazione, di catechesi e logistica che in passato non si sono riuscite a gestire nel migliore dei modi. Un altro obiettivo comune è di impegnarci tramite la comunità ad essere cittadini attivi, testimoniando questo nostro impegno a tutta la cittadinanza. Cercheremo di interessarci ai problemi locali e nazionali e di agire dove possibile, anche approfondendo le conoscenze sulle associazioni impegnate nel sociale e organizzando incontri per coinvolgere il territorio. Lo stile, che dovrebbe essere una colonna portante all’interno del Clan, è ridotto al minimo. Ci impegniamo a prestare maggior attenzione per quanto riguarda il comportamento individuale, cercando di limitare, per poi eliminare, ciò che sappiamo non essere consono per uno Scout. Grande impegno è necessario per renderci indipendenti dal cellulare durante le nostre riunioni e, nelle uscite, da scarpe e gadget inadatti.

Firmata da:

2014: Ilaria e Lorenzo

2013: Simone e Alessandro

2012: Marco e Francesco

2011:

Battiti di Coraggio!

I Tweet del Papa

Route nazionale 2014! Noi ci siamo stati!!!

Ultime foto pubblicate!

Iscriviti agli eventi!

I castorini!

Il nostro canale Youtube