Don Francesco Fulvi succede a Don Franco, dal 1974 primo e unico parroco della nostra comunità e Assistente Ecclesiastico del nostro Gruppo, sin dalla fondazione nel 1985.

DON FRANCESCO FULVI

Caro don Francesco,
comincia per te una nuova avventura. Come all’inizio di ogni nuova avventura, penso che ti sentirai emozionato e un po’ spaventato. È così per tutti, non credo sarà diverso per te. Nonostante la compostezza che mostri in ogni circostanza sei fatto di carne ed ossa anche tu…
In questi anni ho imparato pian piano a conoscerti e oggi sento di poter dire con estrema sincerità che ti apprezzo di più ogni giorno che passa. Non avrei mai pensato ti mettessi in gioco così come hai fatto e stai facendo con gli scout e da scout, è un grande atto di umiltà che ti rende onore.
Sono emozionata al pensiero che sarai il nuovo parroco, sono certa che sarai all’altezza di questo compito.
Ti auguro di cuore Buona Strada. Ricordati che hai al tuo fianco una Comunità non solo di capi, ma di uomini e donne, che ti vogliono bene e che sono sempre pronti a sostenerti, perché sono in cammino proprio come te. Con stima e affetto, Nadia.


In questi anni ti sei fatto conoscere ed apprezzare, hai accettato le critiche costruttive e con esse sei cresciuto insieme a tutti noi! Preghiamo insieme per il tuo nuovo servizio, certi che sarà ricco e avventuroso, proprio come i campi scout che tanto ti piacciono!


Caro Don Francesco,
ti auguriamo di cuore Buona Strada per il tuo nuovo servizio.
Sei arrivato nella nostra parrocchia in punta di piedi e in questi anni sei diventato per noi come un fratello, sarai una guida per la nostra comunità e siamo veramente felici di essere al tuo fianco in questo cammino.
Grazie per averci voluto bene sin da subito, grazie per la stima e il supporto che da sempre ci hai dimostrato, grazie per aver accolto questo servizio sicuramente importante e impegnativo, ma che siamo certi ti ricolmerà di soddisfazioni.
Ti vogliamo bene.
Carol e Peppe


Che il Signore ti accompagni in questo impegnativo viaggio.

Guida da te la tua canoa
Quando, da ragazzo, cominci il viaggio della vita, sei naturalmente portato a pensare di essere solo uno tra tanti, e a credere quindi che la cosa migliore da fare sia seguire la maggioranza. Questo modo di pensare è completamente sbagliato. Ricorda che tu sei tu. Sei tu che devi vivere la tua vita e, se vuoi riuscire a raggiungere la felicità, devi essere tu a guadagnartela. Nessun altro può farlo per te. E, nel viaggio della vita, devi spingere la tua canoa con la pagaia, non remare come in una barca. La differenza è che, nel primo caso, tu guardi davanti a te e vai sempre avanti, mentre nel secondo caso non puoi guardare dove vai, ma devi affidarti ad altri che reggono il timone, col risultato che puoi cozzare contro qualche scoglio prima di rendertene conto. Molta gente tenta di remare attraverso la vita in questo modo. Altri ancora preferiscono una navigazione passiva, facendosi trasportare dal vento della fortuna o dalla corrente del caso: è più comodo che remare, ma è ugualmente pericoloso. Io preferisco uno che guardi davanti a sé e sappia condurre la sua canoa, cioè si apra da solo la propria strada. Guida da te la tua canoa, non contare sull’aiuto degli altri. Stai partendo dal ruscello della fanciullezza per un viaggio avventuroso; di lì passerai nel fiume dell’adolescenza; poi sboccerai nell’oceano della virilità, per arrivare al porto che vuoi raggiungere. Sulla tua rotta incontrerai difficoltà e pericoli, banchi di nebbia e tempeste. Ma, senza
avventure, la vita sarebbe terribilmente monotona. Se saprai manovrare con attenzione, navigando con fedeltà ed allegra tenacia, non c’è motivo per cui il tuo viaggio non debba essere un completo successo, per piccolo che fosse il ruscello da cui un giorno sei partito. Baden Powell


Auguriamo a Don Francesco il meglio, e preghiamo per lui affinché, con l’aiuto di Dio, possa sempre essere maestro di vita spirituale per i nostri figli.


Caro Don Francesco che bella eredità di affetto raccogli… grazie per la tua presenza ti auguro di essere sempre sereno ed illuminato…io ci sarò anche se da lontano. Reana


Ciao Don Franco-Don Francesco il nuovo e il vecchio che meraviglia
intrecciare, vivere, godere il passato, il futuro… ma il più.. è il presente insieme a voi.
Mi auguro un cammino insieme e di “approfittare” di voi e del vostro insegnamento. Mirella/Matilde

Biografia * Foto * I nostri pensieri…

Il Saluto dei parrocchiani * Biografia * Foto * I nostri pensieri…

0 commenti

Lascia un commento